La storia del nome Castel Sant’Angelo

castel-santangelo per blog

Tra le tante storie che interessano questo noto monumento di Roma, una delle più famose riguarda l’origine del nome di questo colossale edificio e della grande statua di un angelo posta nel punto più alto del castello.

Nell’anno 590 d. C. Roma era stremata dalla peste, devastante e minacciosa, alla quale non si riusciva a porre rimedio. Fu allora che il neo eletto Papa Gregorio Magno chiamò l’intero popolo a raccolta per condurlo in processione nel tentativo di scongiurare la fine della terribile epidemia.
Mentre la processione si snodava sotto il sepolcro di Adriano, la leggenda narra che apparve sulla sua sommità l’Arcangelo Michele in tutta la sua magnificenza, nell’atto di rinfoderare la sua spada. Tale gesto fu interpretato dal Papa e dal popolo come l’annuncio della fine del flagello della peste, cosa che infatti avvenne di lì a breve.

Per ricordare tale avvenimento fu quindi scolpito sulla sommità del castello l’angelo, così come apparve alla folla. Fu da allora che la “mole Adriana” divenne “Castel Sant’Angelo“.

L’angelo del castello non è ovviamente l’originale, sono passati quasi 1500 anni ed è stato più volte sostituito. L’attuale è alto circa 5 metri ed ha un’apertura alare di 6 metri.
La leggenda narra inoltre che dove atterò, l’angelo lasciò impresse le impronte dei piedi sul marmo del castello. Questa pietra contenente le impronte, attualmente perduta, fu successivamente staccata ed esposta ai fedeli fino al 1600.

Post suggeriti
Contattaci

Inviaci un messaggio e ti risponderemo quanto prima! Grazie

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

X